Richiesta
Newsletter abbonare

Qui trovate la nostra informativa sulla privacy e le condizioni di revoca.

Primavera a Fiè – Alpe di Siusi – Dolomiti

Vivete in prima persona il risveglio della natura dopo la pausa invernale. Il Parco Naturale dello Sciliar è il luogo ideale per godersi il ritorno della primavera. Rallegratevi con le nostre mucche che finalmente possono tornare a pascolare su prati fioriti. Adesso presso il maso Mesnerhof si semina con amore e cura tutto ciò che deve crescere durante l’estate.

Verdura, insalata, erbe, fiori e frutta vengono coltivate in modo naturale e curati con amore prima di arrivare come delizia per il palato sui nostri piatti.

Primavera a Fiè – Alpe di Siusi – Dolomiti

Primavera Alpe di Siusi vacanze – Dolomiti

Partecipare alla fioritura dei meli e vedere i prati in fiori rappresenta un benessere per l’anima.

Mentre passeggiate attraverso queste incantevoli estensioni di fiori e vi rallegrate dell’arrivo della primavera è ancora possibile andare a sciare fino a Pasqua, senza congelarvi il naso, sulla vicina Alpe di Siusi, la Sellaronda ed in Alta Badia.

Avvolti dall’aria primaverile venite a scoprire questo nuovo e piacevole modo di sciare e le tante prelibatezze gastronomiche di questo periodo.

Primavera Alpe di Siusi vacanze – Dolomiti

A fine primavera-inizio estate ha luogo la tradizionale cavalcata di S. Osvaldo. Immergetevi in questo mondo medioevale e lasciatevi coinvolgere dai tornei che si svolgono in diversi posti dell’altopiano. Con le sfilate medioevali e le feste che si svolgono a Siusi, Fiè e il Castello di Presule, questa manifestazione rimarrà sicuramente a lungo nei vostri ricordi.

Visitate i giardini di Castel Trautmannsdorf, andate alla scoperta delle tracce lasciate dalle streghe dello Sciliar durante un escursione verso le sedie delle streghe a Castelrotto o le panche delle streghe sulla Bullaccia. Oppure godetevi momenti di relax al Mesnerhof, comodamente seduti su una sdraio sotto al melo in fiore con un bicchiere di succo di sambuco fresco in mano, contemplando l’indescrivibile bellezza del maestoso massiccio dello Sciliar.